Passa ai contenuti principali
Iniziativa dei cittadini europei

Salvare i cosmetici cruelty-free: impegnarsi per un'Europa senza sperimentazione animale

Presentazione ed esame

L'iniziativa "Salvare i cosmetici cruelty-free: impegnarsi per un'Europa senza sperimentazione animale" è stata presentata alla Commissione il 25 gennaio 2023, dopo aver raccolto 1 217 916 dichiarazioni di sostegno verificate. Vedi il comunicato stampa.

Il 17 marzo 2023 gli organizzatori hanno incontrato la vicepresidente della Commissione europea per i Valori e la trasparenza Věra Jourová e il commissario per il Mercato interno Thierry Breton. Vedi la galleria fotografica.

Il 25 maggio 2023 si è tenuta un'audizione pubblica al Parlamento europeo. Guarda la registrazione.

L'iniziativa è stata discussa nella sessione plenaria del Parlamento europeo del 10 luglio 2023. Guarda la registrazione.

Il 25 luglio 2023 la Commissione ha adottato una comunicazione in cui illustra la sua risposta all'iniziativa "Salvare i cosmetici cruelty-free: impegnarsi per un'Europa senza sperimentazione animale". Vedi il comunicato stampa.

 

Risposta della Commissione

Factsheet – Successful Initiatives – Save cruelty free cosmetics
 Factsheet – Successful Initiatives – Save cruelty free cosmetics
italiano
(1.33 MB - PDF)
Scarica

 

Principali conclusioni della comunicazione:

La Commissione delinea le seguenti azioni per ridurre ulteriormente la sperimentazione animale in risposta agli obiettivi specifici dell'iniziativa dei cittadini europei:

  • proteggere e rafforzare il divieto di sperimentazione sugli animali per i prodotti cosmetici: il regolamento dell'UE sui cosmetici vieta già l'immissione sul mercato di prodotti cosmetici testati su animali, ma tale divieto non si estende alle prove di sicurezza necessarie per valutare i rischi derivanti dalle sostanze chimiche per i lavoratori e per l'ambiente ai sensi del regolamento dell'UE concernente la registrazione, la valutazione, l'autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche (REACH). L'interfaccia tra i due atti legislativi è attualmente oggetto di valutazione in due cause dinanzi alla Corte di giustizia dell'Unione europea. La Commissione esaminerà l'esito dei procedimenti giudiziari in vista di  eventuali future modifiche legislative.
  • trasformare la legislazione dell'UE sulle sostanze chimiche: la Commissione collaborerà con tutti i portatori di interessi per elaborare una tabella di marcia con l'obiettivo di giungere a valutazioni della sicurezza chimica esenti da sperimentazioni animali. La tabella di marcia fungerà da quadro di riferimento per le azioni e le iniziative future volte a ridurre e, in ultima analisi, eliminare la sperimentazione animale nel contesto della legislazione in materia di sostanze chimiche all'interno dell'Unione europea.
  • ammodernare la scienza nell'UE: la Commissione continuerà a sostenere fermamente lo sviluppo di approcci alternativi con finanziamenti adeguati. Avvierà inoltre una serie di azioni per accelerare la riduzione della sperimentazione animale nella ricerca, nell'istruzione e nella formazione.

Tappe successive

Questa sezione contiene informazioni aggiornate sulle azioni intraprese dalla Commissione e da altre istituzioni a seguito della risposta della Commissione.

Riunioni di follow-up

L'8 novembre 2023 il commissario Virginijus Sinkevičius ha incontrato gli organizzatori di "Salvare i cosmetici cruelty-free: impegnarsi per un'Europa senza sperimentazione animale" per discutere della risposta della Commissione all'iniziativa.

Avvio dei lavori sulla tabella di marcia

Nell'autunno del 2023 la Commissione ha avviato i lavori per una tabella di marcia per eliminare gradualmente la sperimentazione animale per le valutazioni della sicurezza chimica, annunciata nella sua risposta all'ICE.

L'11 e il 12 dicembre 2023 è previsto un seminario che coinvolgerà le parti interessate, compresi gli organizzatori dell'iniziativa. Sarà un punto di partenza per l'elaborazione della tabella di marcia e offrirà alle parti interessate l'opportunità di fornire contributi e discutere possibili approcci per l'adozione di metodi non basati sugli animali nella legislazione in materia di sostanze chimiche.

Il seminario comprenderà studi di casi riguardanti due settori che destano preoccupazione, che contribuiranno a individuare le misure necessarie per sviluppare la tabella di marcia, e una sezione sul miglioramento della trasposizione nella regolamentazione dei metodi non basati sugli animali, un elemento chiave per conseguire l'obiettivo di una legislazione in materia di sostanze chimiche senza test sugli animali.

Sentenze del Tribunale sul rapporto tra REACH e il regolamento sui prodotti cosmetici (T-655/20 e T-656/20)

Come indicato nella risposta al primo obiettivo dell'iniziativa - "proteggere e rafforzare il divieto di sperimentazione animale nel settore dei cosmetici" - l'interfaccia tra il regolamento REACH e il regolamento sui prodotti cosmetici era al momento oggetto di valutazione da parte della Corte di giustizia dell'Unione europea. Il Tribunale ha emesso le sue sentenze il 22 novembre 2023, chiarendo che il regolamento REACH impone alle imprese che fabbricano o importano sostanze chimiche utilizzate solo nei prodotti cosmetici di fornire informazioni (se necessario ottenute mediante sperimentazioni animali) sulle proprietà pericolose per la valutazione della sicurezza dei lavoratori che fabbricano o lavorano tali sostanze.

La Commissione esaminerà attentamente le sentenze della Corte in vista di eventuali misure future.

Desideri saperne di più e collaborare?